Sundown, recensione del film con protagonista Tim Roth

- Advertisement -

Sundown, recensione del film diretto da Michel Franco, con nel cast Tim Roth, Charlotte Gainsbourg, Henry Goodman e presentato a Venezia 78.

Sundown, scritto e diretto da Michel Franco, con protagonista Tim Roth, affiancato da Charlotte Gainsbourg, prende avvio durante un’apparente vacanza da sogno in Messico. La ricca famiglia inglese vede crollare la loro oasi di paradiso quando la madre di lei costringe tutti e quattro, Alice, Neil e i figli Colin e Alexa a tornare a Londra.

Un Tim Roth cupo e silenzioso, che nasconde qualcosa, protagonista indiscusso di Sundown, tiene in piedi una pellicola lenta ma al tempo stesso carica di suspence. Michel Franco riesce a creare tensione e curiosità attraverso i silenzi di un uomo, interpretato dal grande attore che è Roth, con un dramma particolare, ma misterioso. Perché Sundown non svela se non alla fine, chiarendo, durante la conclusione, tutte quelle apparenti incomprensioni disseminate nel corso della storia.

La tragedia nel mistero

- Advertisement -

Sundown

Sundown è un film fortemente drammatico, anche in quell’enigmatica assenza d’emozioni del protagonista, che persino quando si lascia andare, mantiene una compostezza e una sorta di tranquillità a volte sconcertante. La pellicola e il personaggio principale si completano a vicenda, come se nessuno dei due sapesse come finirà, né quando; una sensazione di totale assenza di anima dal proprio corpo. Neil sta al mondo senza farne realmente parte e se durante la narrazione può sembrare il tutto difficile da comprendere Sundown è un film da vedere assolutamente fino alla fine.

- Advertisement -

Più elementi vengono svelati, attraverso una sceneggiatura alla quale bastano poche battute per raccontare realmente qualcosa. La fotografia, illuminata dall’accecante e splendente luce del caldo e rovente sole di Acapulco, e la regia, chiara e lineare, muovono la macchina da presa tra giornate in spiaggia e serate di balli e feste, in una completa mancanza di obblighi, doveri e vincoli. L’interpretazione di Tim Roth, opposta a quella della Gainsbourg, è sospesa tra pacatezza e impetuosità, tra l’assenza di regole nella rovente meta turistica messicana e la rigidezza delle leggi inglesi, provenienti da un luogo che richiama da lontano.

- Advertisement -

Questa era la recensione di Sundown, diretto da Michel Franco, con Tim Roth e Charlotte Gainsbourg, presentato a Venezia 78.

- Advertisement -

PANORAMICA RECENSIONE

Regia
8
Sceneggiatura
7
Interpretazione
9
Sound
6
Emozione
7
- Advertisement -
Ultimi articoli
- Advertisement -
Articoli che potrebbero piacerti