1971: L’anno in cui la musica ha cambiato tutto

- Advertisement -

Quando il rock ha cambiato la musica e la musica ha cambiato la storia

Ricca di filmati e intervista d’archivio, ispirata del libro “Never a Dull Moment:1971 The Year That Rock Exploded”, 1971 è la docuserie che stavamo aspettando. 

1971: l’anno in cui la musica ha cambiato tutto è diretta da Asif Kapadia, ideata dai Mercury Studios di Universal Music Group e ci porta in tour con i gruppi e gli artisti che hanno fatto la storia della musica. 

- Advertisement -

The Rolling Stones, Bob Marley, The Who, Iggy Pop e tutti quelli che ancora, a distanza di 50 anni, non ci stanchiamo mai di ascoltare. 

Con Woodstock la musica ha aperto le sue porte al mondo, spalancando i battenti dell’arte più vivace di tutte. A quei tempi le icone rock erano portatori delle voci sociali e si schieravano con chi la voce non poteva alzarla o non l’aveva. I dischi e le riviste erano appuntamenti fissi e i concerti degli eventi imperdibili, Kapadia indaga i ricordi di quei giorni e ci regala uno spaccato completo degli anni 70.

- Advertisement -

AppleTv+ ha appena rilasciato il primo trailer di 1971:L’anno in cui la musica ha cambiato tutto e già non vediamo l’ora di saperne di più. La miniserie composta da otto episodi in cui protagoniste saranno le musiche e le colonne sonore che hanno segnato tutto, in anteprima esclusiva su AppleTv il 21 maggio. 

Un’immersione completa nel passato non più troppo recente che ancora ci fa sognare, alla scoperta di artisti quali Elton John, Aretha Franklin, Joni Mitchell, Marvin Grey. Non si dimentica il contesto storico politico in cui la musica si fece spazio, per infondere speranza, ispirare il cambiamento e la cultura imperante. 

- Advertisement -
- Advertisement -
Ultimi articoli
- Advertisement -
Articoli che potrebbero piacerti